Gennaio 2021

“Oggi, in un’epoca che si propone come post-ideologica le emozioni si sostituiscono alle idee. Dappertutto si sente parlare di post-politica e post-verità. Perché qualcuno sta cercando di farci credere che parole come politica o verità (nel senso di realtà verificabile) siano ormai superate.”

Bruce Nauman, classe 1941, considera l’opera d’arte un’azione che innesca nello spettatore reazioni fisiche (il disagio, il disorientamento) e psicologiche (il riso, l’angoscia), esplorando le inevitabili contraddizioni dell’esistenza umana come la tensione tra la vita e la morte, il piacere e la sofferenza, l’amore e l’odio.

Abbiamo letto questa storia con sospiro innamorato e cuore colmo di gratitudine e ammirazione. Abbiamo letto bellezza. Spirito imprenditore e d’avanguardia. Impegno innamorato e passionale. In questa storia non vediamo eroi, ma esempi. Vediamo ispirazione. Di come una vera e consapevole rivoluzione sociale, volta all’inclusione, sia necessaria e possibile. Luca Tr